Lettura: 46 minuti

Mio figlio morde, picchia… perché e cosa devo fare?

|

Mio figlio morde, picchia… perché e cosa devo fare? - Famiglia Monti

 

Il tuo bambino morde, picchia, graffia, tira i capelli, fa il broncio... e questo è normale! Proverà diversi modi per esprimere la sua rabbia o il suo malcontento.

Tra 1 e 4 anni i bambini imparano ad esprimere le proprie emozioni. E fino ai 6 anni è soggetto a emozioni forti e travolgenti.  

Quando il tuo bambino si comporta in modo aggressivo, spesso è perché non ha ancora trovato un altro modo per esprimersi. Come possiamo rispondere con gentilezza? Il tuo ruolo di genitore sarà quello di offrirgli delle alternative. 

 

Mio figlio morde, colpisce o si comporta in modo aggressivo. Per quello ?

Chiediti perché si verifica questo morso? È un impulso, una dentizione, un modo di comunicare che sta sperimentando il bambino? 

Tuo figlio è in procinto di scoprire il suo ambiente.

Non necessariamente morde o colpisce con l'intenzione di ferire o ferire.

Questo fa parte del suo sviluppo e della fase di socializzazione. Scopri quali bisogni si nascondono dietro i comportamenti di tuo figlio. I suoi gesti hanno un significato che sta a te interpretare. 

 

Il suo obiettivo è non ferire!

Quando tuo figlio morde o colpisce, non è con l'intenzione di ferirlo! Fino ai 2-3 anni non è consapevole del legame tra colpire o mordere e la sofferenza che ciò può provocare. 

Sarà importante in questo momento esprimere i tuoi sentimenti. 



Allevia il dolore della dentizione

Se ha meno di un anno, il bambino potrebbe semplicemente cercare di alleviare il dolore causato dalla dentizione. 

 

Giocare

Tuo figlio morde perché non ha ancora imparato la lingua. E mordere potrebbe essere solo una specie di gioco: si mette in bocca la tua guancia o la mano del suo amico come se fosse uno dei suoi giocattoli. 

 

La frustrazione del linguaggio

Verso i 18 mesi vostro figlio ha molto da dire, ma non è ancora in grado di esprimerlo con chiarezza. Questo è molto frustrante per il bambino e può portare a movimenti goffi come mordere.  

 

C'è confusione riguardo al mordere

Può esserci confusione tra gli abbracci e altri gesti tattili e il mordere vero e proprio. Questo è comune quando i genitori si divertono a “sgranocchiare i piedini” o a “mangiare baci” con il loro bambino. Quindi anche il tuo piccolo coccodrillo potrebbe voler dare un morso.

 

Hai bisogno di affermarti

Se ha tra i 18 e i 24 mesi, il bambino è nella fase “no” e ha bisogno di farsi valere. Allora resiste colpendo o mordendo. Questo non ha nulla a che vedere con la malizia.

 

Un modo per esprimere la rabbia

Prima dei 6 anni, i bambini hanno difficoltà a gestire le proprie emozioni e talvolta sono soggetti a tempeste emotive. Possono urlare, colpire, rotolarsi a terra o mordere per esprimere la loro rabbia. Qui l’obiettivo non è ferire, ma liberare un’emozione troppo forte. 

 

????Allenati e implementa l'insegnamento Montessori a casa con i nostri 6 esperti????

 

Come devo reagire quando mio figlio morde, picchia o mostra aggressività?

Citazione: “Quando chi sta intorno capisce il bambino e sa come tranquillizzarlo, questi episodi impulsivi diminuiscono e diventano rari intorno ai 5-7 anni. L’adagio popolare colloca giustamente l’età della ragione a 7 anni. » Vivere felici con tuo figlio, di Catherine Gueguen. 

 

Nella dinamica della disciplina positiva, un bambino che si comporta in modo inappropriato è un bambino scoraggiato. Tuo figlio picchia o morde per dirti cose che non sa dire in altro modo. Ma come possiamo rispondere gentilmente?

 

Promuovere lo sviluppo del linguaggio

Se tuo figlio inizia a parlare, lo incoraggerai a esprimere la sua rabbia con le parole, non con un morso o un gesto improvviso. "Tesoro, puoi dirlo a parole." 

 

Evitare di banalizzare il morso 

I giochi in cui mordi tuo figlio per giocare dovrebbero essere evitati.

 

Non mordere. 

Qualche anno fa, quando un bambino mordeva, i genitori a loro volta lo mordevano... ancora più forte. Oggi sappiamo che il bambino si nutre essenzialmente di ciò che incarna il suo genitore. Servi da modello per i tuoi figli e loro si sviluppano osservandoti.  

 

Offrigli delle alternative 

  • Un anello da dentizione può alleviare il dolore durante la dentizione.
  • Mostragli un gesto da coccolare che col tempo sostituirà il morso.

 

Non c’è bisogno di ripetergli “non mordere”.

Il piccolo non sente la negazione! Preferirai dirgli “basta” con fermezza per dissuaderlo.

 

Suggerisci altri modi per affermarti

Tra i 2 ei 4 anni, la personalità di vostro figlio si costruisce, in particolare attraverso le famose crisi di opposizione. Se pensi che tuo figlio muoia il bisogno di affermarsi, offrigli giochi o attività che lo facciano sentire forte. 

 

Mantenere la calma per non aggravare la situazione

Il genitore a volte perde la pazienza, ovviamente, ma urlando rinforzeresti la situazione confusa e tuo figlio non saprebbe comunque come reagire.

Puoi spiegargli con calma, ma con fermezza: “la tua bocca ha morso il tuo fratellino, fa molto male, guarda, ha anche dei segni…”

Evitando di dirti qualcosa, eviteremo che si senta accusato. Il messaggio arriverà molto meglio. "La tua bocca può essere usata per mangiarti o baciarti, ma mordere è proibito."  

 

Aiutalo a sviluppare la sua empatia

Quando tuo figlio morde o picchia, invitalo a mettersi nei panni della persona che ha ferito. Invertire i ruoli permetterà a tuo figlio di comprendere le conseguenze della sua azione. 
 
Infine, sarà inutile chiedergli perché lo fa: lui stesso non lo sa, e comunque non saprà spiegarlo, la sua maturazione cerebrale non glielo permette ancora in questa fase.



????Se vuoi andare oltre, scopri la formazione Monti Academy, sviluppata per te!????

 

In sintesi, mio ​​figlio morde o picchia per farmi capire qualcosa

Il più delle volte il suo comportamento non ha nulla a che fare con la violenza, è semplicemente un mezzo di espressione. Sei lì per sostenerlo nell'acquisizione del linguaggio e insegnargli a gestire le sue emozioni! Il tuo amore e il tuo sostegno nel suo sviluppo saranno il suo più grande aiuto.

 

????Unisciti subito al nostro programma di sostegno alla genitorialità!

 

Bibliografia:

Ho provato tutto di Isabelle FILLIOZAT

Disciplina positiva di Jane NELSEN

Vivere felici con tuo figlio, di Catherine GUEGUEN



Amare è condividere